Osnos-Virginia-1200.jpg
Immagine tratta da: repertorio Web by Ivan Larotonda

Tratto da:Onda Lucana by Ivan Larotonda

I popoli si ribellano all’ideologia liberal. Al mondo senza frontiere e identità. Alle sciocchezze sul rigore in economia, che tradotto in altri termini vuol dire sottrazione delle ricchezze per usi sociali in favore delle banche e varie lobbies e congreghe di miliardari. E quel che è peggio, negli ultimi anni l’aggressività del sistema liberal ha portato a sanzioni e guerre, col risultato, (per citarne tra quelli che ci interessano più da vicino), di riempire l’Italia di africani, oltre due milioni dal 2011. Infatti deve essere ben chiaro che la signora Clinton era al vertice dell’amministrazione Obama, artefice dello spodestamento di Gheddafi. Era fin troppo chiaro a tutti che eravamo in presenza di un arroganza palese di chi, in nome della democrazia stravolge il diritto delle genti a governarsi per conto loro. Tralascio di come l’amministrazione Obama abbia ridotto l’Ucraina e la Siria, sarebbe troppo lungo, ma per fortuna su questo siamo ben documentati e si è vista dove sta la ragione, nell’eroica resistenza che oppongono alle forze del male i fedeli ad Assad. Non resta che accodarci alla riscossa votando NO al referendum di dicembre, voluto da chi ha deciso di cambiare la costituzione perché ritenuta troppo socialista! Ecco da chi ci dobbiamo liberare, da Renzi e la Merkel, da Junker e Hollande, ultimi epigoni del tracotante ’68, del mondo hippy, che ha ridotto a brandelli la civiltà occidentale. É tempo, per i radical chic, di rinchiudersi nei loro attici, ad ascoltare canzonette dei cialtroni viziati.

Tratto da:Onda Lucana  by Ivan Larotonda

Annunci