29188965-BFC6-4C5D-AB16-CE57BE000DBA.jpg
Immagine tratta da Web.

 

Tratto da:Onda Lucana by Salvatore Loviso

Il vivere comodi è un dono avvelenato

Un grande paese o grandi persone, hanno bisogno del mondo, quindi interagire.
La gente viene divisa in due file:
1.  Chi può avere la sistemazione e favori e fare da potenziali RIPRODUTTORI
2. E chi può anche morire
La comodità hanno orribili sfondi di banalità del male.
Come siete bravi al di là del muro.
La sera luci come fiammelle accese: dove sono i bambini che non hanno/  l’albero di Natale/  i frutti di cioccolata?
Il solco tra il paese dei lumi e quello in penombra dovrà pure ridursi. Purtroppo non bastano le luci per ricucire il baratro e le differenze. Chi non ha niente, nulla avrà. Chi è solo a lungo dovrà stare, con il rischio di essere soli in un sistema perbenista e buonista. Il paese è un contenitore mutevole di comunità; hanno forme in cui ognuno si accuccia a modo suo secondo le proprie convenienze.
Calvello: un bel paese abitato da accattoni. <<A Calvello il dibattito pubblico invece di essere incoraggiato e stimolato viene represso>>.
Risveglio, in vuoti spalancati, ed ecco che la stanza del risveglio si rischiara in una dimensione casa.

Tratto da:Onda Lucana by Salvatore Loviso

Annunci