Potenza, ingresso dell'Università della Basilicata

Con A.l.Ba (Atlante linguistico della Basilicata)(ANSA) – POTENZA, 17 GEN – La Basilicata potrà essere la prima regione italiana a disporre di un “alfabeto scritto”, per consentire le trascrizioni in testi di ogni dialetto lucano attraverso un sistema convenzionalmente riconosciuto: è quanto ha proposto la docente di Glottologia e linguistica nell’Università della Basilicata, Patrizia Del Puente, e responsabile del progetto A.l.Ba (Atlante Linguistico della Basilicata).
Oggi, 17 gennaio, si celebra la “Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali” indetta dall’Unpli, “ma in nessuna zona l’Italia – ha spiegato in una nota la docente universitaria – nonostante questo sia il Paese dei mille e variegati dialetti, esiste un alfabeto scritto e convenzionalmente riconosciuto. Esistono varie trascrizioni di lingue locali, come il napoletano, ma nessuno ha mai pensato di codificare un alfabeto che comprendesse tutti i fonemi presenti nei dialetti e fosse quindi funzionale alla trascrizione di tutte le lingue regionali”.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

via Un progetto per il primo alfabeto lucano — RSS di Basilicata – ANSA.it

Annunci