25 Feb 2017

Scritto da Mara Risola

 

POTENZA – Da un lato le alghe e non gli idrocarburi nelle acque del Pertusillo, dall’altro l’evidenza dei fatti alla base della fuoriuscita di greggio da una delle 4 cisterne a margine del perimetro del Cova: 3 serbatoi su 4 sprovvisti del cosiddetto ”doppio fondo” di contenimento delle fuoriuscite, una membrana protettiva così come normativa dell’Unmig imporrebbe.

Uno scudo interno di salvaguardia che a 4 anni dall’entrata in vigore della normativa, non è stato ancora realizzato per tutte le cisterne (siamo solo all’inizio) e sul quale la regione soltanto oggi punta il dito preparandosi a presentare una diffida da porgere ad Eni proprio a causa del mancato completamento dei doppi fondi, previsto dall’obbligo in vigore dal 2013.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

Annunci