Durante il programma Dimartedì su La7 un’irruzione di circa 30  esponenti di Forza Nuova ha interrotto la messa in onda, dopo aver superato lo sbarramento sono entrati in scena per parlare con Giovanni Floris che poi ha spiegato: “Volevano interagire col programma – ha raccontato lo stesso Floris -, ma questo non era possibile. Per ragioni tecniche, dato che in quella porzione di trasmissione stava andando in onda un contributo registrato. E per ragioni di opportunità: non mandiamo in onda chi non è da noi invitato, tantomeno se si presenta in quel modo”.

I militanti dopo aver fatto la loro incursione negli studi hanno lamentato di essere paragonati ad un pericolo, il conduttore ha replicato: “Voi vi arrogate il diritto di rappresentare quel pericolo. Siete candidati alle regionali? Bene, fatevi eleggere e quando avrete una rappresentanza politica sarete rappresentati anche in trasmissione”.

Dopo l’agitanzione Floris comunque ha respinto la loro richiesta di poter parlare poiché il gruppo ha cercato di imporsi nella trasmissione “il confronto si è svolto in un clima non violento. E dopo aver esposto le loro ragioni si sono fatti accompagnare all’uscita”. Il direttore di La7 si è espresso sulla questione, condannando la situazione: “Iniziativa intollerabile e inaccettabile, pessimo segnale sul quale tutte le forze politiche democratiche dovranno fare i conti”.

L’articolo Irruzione di Forza Nuova negli studi di Dimartedì su La7 sembra essere il primo su TV News 24.

via Irruzione di Forza Nuova negli studi di Dimartedì su La7 — TV News 24

Annunci