RUOTI IN UN DOPPIO APPUNTAMENTO: IN MEMORIA DI PEPPINO IMPASTATO E GIORNATA FAI

Un doppio appuntamento quello che ha interessato Ruoti lo scorso sabato, il ricordo di Peppino Impastato, giornalista e attivista italiano, a 40 anni di distanza dal suo assassinio e la celebrazione della Giornata FAI a Ruoti con la riscoperta della Villa San Giovanni.

Due attività queste che apparentemente diverse sono invece unite da un filo invisibile, quello della bellezza. La bellezza della vita, della legalità, della normalità e l’educazione a essa da un lato e la bellezza naturale, architettonica, paesaggistica e storica dall’altro e la volontà di preservare e istruire al bello.

L’evento mattutino che si è tenuto presso la Chiesa di San Vito di Ruoti ed è stato organizzato dall’Istituto Comprensivo “M. Carlucci” di Ruoti dove i ragazzi sono stati parte attiva con alcune riflessioni, poesie e domande. L’incontro ha visto dopo i saluti del Vicepreside Prof. Fantozzi, del Sindaco di Ruoti Anna Maria Scalise, gli interessanti interventi del Dott. Carlo Bommarito e della Dott.ssa Marcella Stagno della Casa Memoria Impastato, i quali hanno ricordato, tra l’intervallo musicale  con le loro bellissime testimonianze gli eventi e il clima che si viveva a Cinisi, del coraggio che ha contraddistinto “l’amico Peppino” nel voler combattere per la legalità, per la vita andando anche contro suo padre.

Importante anche l’intervento di Don Marcello Cozzi dell’Associazione Libera, il quale ha esortato i ragazzi a non perdere di vista i dettagli nella vita, vedere e apprezzare anche le cose piccole della vita ed ha ricordato di soffermarsi a leggere i piccoli articoli sui giornali, anche quelli sono importanti proprio come quando accadde per l’assassinio di Peppino Impastato, lo stesso giorno in cui venne ucciso Aldo Moro, a cui fu dedicato un piccolissimo trafiletto seppure anch’egli fosse un grande uomo.

L’intensa giornata è proseguita, con grande soddisfazione per i numeri di visitatori registrati, con la visita al sito Villa San Giovanni, grazie al FAI Delegazione di Potenza e all’encomiabile e bellissimo lavoro di studio e promozione che i ragazzi della II B del Liceo Galileo Galilei di Potenza hanno condotto, diventando degli eccellenti e preparati “Ciceroni”.

<<La scuola è il luogo indispensabile per la lotta contro la disonestà, la scuola toglie i ragazzi dalla strada, evita la loro dispersione, li educa ai valori della pace, della nonviolenza, della solidarietà, della legalità, della giustizia sociale>> – dichiara Anna Maria Scalise, Sindaco di Ruoti – <<E come diceva Peppino Impastato “È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”- Abbiamo un grande senso responsabilità verso il nostro patrimonio culturale, ambientale e umano che si può tradurre in due parole amore e memoria>> – conclude il Sindaco Scalise.

Tratto da:Onda Lucana® Press

Annunci