Da Giorgio Santoriello – 28 aprile 2018

Matera 2019 è solo un brand politico-affaristico, una “cultura da aperitivo”, attività commerciali ormai omologate nel capoluogo di provincia ( in centro esistono solo: cibarie, souvenir made in china mischiate all’artigianato locale, e tour operator ), prezzi alle stelle per i pochi lucani che vogliono iscriversi all’Unibas e viversi l’università, speculazioni su pseudo-brand, mentre dall’altro canto, quello della Cultura, manca un vero teatro, un contenitore per il patrimonio archivistico della città, un’esposizione per la balena preistorica chiusa ancora nelle casse di legno dal 2006, il torrente Gravina diventato fogna, una discarica a La Martella sotto sanzione UE, un cementificio che impatta come un inceneritore a ridosso del parco, ma tanto e molto di più lo si trova girando per la stupenda provincia e nelle sue aree archeologiche. A Metaponto, cuore archeologico del 2019, dalle immagini allegate, vedete una discarica di rifiuti vari ( terreni, materiale edile, rifiuti metallici, gomma ) nel perimetro del parco archeologico di Metaponto,

untitled.png
foto dall’alto dell’area di discarica nel parco archeologico di Metaponto

Questo slideshow richiede JavaScript.

mentre altri reperti da anni sono ammassati in attesa di uno spazio espositivo degno, tra supporti arrugginiti ed abbandono

Questo slideshow richiede JavaScript.

coperture di zone di scavo in materiale che sembra fibra d’amianto, e nei pressi i resti della combustione di rifiuti vegetali, nonchè aree di accumulo d’acqua nelle fosse di scavo

Questo slideshow richiede JavaScript.

una sega circolare in disuso vicino ai reperti

Questo slideshow richiede JavaScript.

l’area parcheggio delle Tavole Palatine, completamente incustodite, ove nonostante i fondi UE investiti negli ultimi anni, i rivestimenti appaiono già distrutti in diversi punti, mancano le videocamere di sorveglianza ma non i fili dell’impianto rimasti esposti , ed il locale dell’Antiquarium è di fatto vuoto ed abbandonato, quindi chiunque potrebbe ledere l’integrità del tempio di Hera

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non solo il nostro patrimonio archeologico è in parte incustodito, ma tanto altro di provenienza lucana non è neanche in regione, dalle Tavole di Heraclea che sono a Napoli, all’elmo del tiranno di Metaponto che da sempre non è a Metaponto ma negli USA, passando per il tripode di Metaponto a Berlino, o per i vasi del pittore di Pisticci disseminati in Italia ed altrove, o gli ori di Senise rimanendo nel solo contesto archeologico. Un tesoro fuori dalla sua terra natia, salvo per miracolo o ostaggio della nostra indifferenza?

 

untitled.png
veduta aerea del castro romano – Metaponto, in stato di non fruizione da sempre

Fonte:http://analizebasilicata.altervista.org/blog/la-discarica-archeologica-a-metaponto-e-la-sotto-cultura-del-2019/

 

 

Annunci