Elaborazione grafica.jpg
Elaborazione grafica by Antonio Morena 2018 su immagine caricata da Web.

PAESE MIO! (CHE STAI SULLA COLLINA)

Tratto da:Onda Lucana® by Gerardo Renna

Anche se da lontano, sempre ti penso e di rivederti bramo!

Son qui all’inizio della pianura padana, piatta, uniforme, monotona e grigia!

Come da persona cara a te vorrei tornare,
ma non posso per ora e così la nostalgia mi divora…!

sono sveglio, ma mi pare di sognare: sulla collina ti rivedo nel sole del mattino!

Piccolo sei, ma bello, lassù come una stella!

Larghe, dritte e comode son le tue vie.

E la piazza con il corso è proprio un bel salotto!

Un gran salotto quotidiano, ove pulsa la tua vita paesana!

Da un gran bel portale con arco ogivale
nella tua Abbazia si entra di epoca medievale.

Oltre la grande porta, comunemente detta “il Portone”,
in un ampio claustro ci si trova che di un papa porta il nome.

Il famoso Urbano II, che molti cristiani mobilitò per la difesa del Santo Sepolcro,
che la nostra Abbazia protesse e la sua chiesa nel 1089 consacrò!
Di fronte: un supportico a semi arco,
una galleria che dritto porta ad un secondo claustro,
il primitivo chiostro benedettino.

A destra: il Palazzo Grande, detto “il Camino”
e, a questo di fronte, la nostra bella chiesa francescana.

Dalla “Porta Santa” uscendo sul corso ci si ritrova, il nostro passeggio quotidiano!

Ed oltre la piazza una fontana monumentale.

E poi la verde villa comunale (*) con al centro, tra piante e fiori,
la statua eretta della vittoria alata!

(Funo di Argelato, genn. 2003)

(*) villa comunale: intesa, qui, come giardino comunale

Tratto da:Onda Lucana® by Gerardo Renna

Annunci