marzo pazzo.jpg
Immagine tratta da repertorio Web

Marz

Tratto da:Onda Lucana® by Rocco Cillotto

Viend e tmbest, sembr quas na fest,

S nun foss ca la voria t tras da’ r dhoss.

Sopa r piand eglia’ nat la staggion ri i fiur,

ma i pipl rormn sotta la terr e aspettn i prim sul.

Eglia’ na cundann su marz ciuot

ca nun s scord r lu tiemb passat

e chian chian t port allestat

Marzo

Vento e tempesta, sembra quasi una festa,

se non fosse che la bora ti entra nelle ossa .

Sopra alle piante è nata la stagione dei fiori,

ma i germogli dormono sotto alla terra e aspettano i primi soli .

È una condanna questo marzo pazzo

che non dimentica l’inverno passato

e piano piano ti porta all’estate.

Tratto da:Onda Lucana® by Rocco Cillotto

N.B.

Questa poesia e`espresse in dialetto aviglianese della cittadina Lucana di Avigliano (PZ).

Annunci