Tratto da:Onda Lucana® by Kosta Costa Bell

Fjalë të urta popullore të Shën Kostandinit

Espressioni e proverbi popolari di San Costantino albanese

beato te, beata te i lumi  ti, e lumja ti
va/vai e vieni vete e vjen
dalla carnagione scura zeshkòte
come se l’avessi sulla brace faka e ke mbi prusht
sta bollendo la carne është e zien misht
ad armacollo paskulàti
mi gira la testa come la ruota dell’arcolaio më xhiraren kriet si rrota anèmit
che aprile! (persona sfaticata) çi ki prill!
andando tue vatur
dormi come un baco (persona dormigliona/pigra) flë si  sirk
che bara (persona flemmatica) çi ki tavùt
il cane che abbia non morde qeni çi lehen nik zë
ti tiro uno (schiaffo)… t’mbirthènj një
non ce la faccio più… nik a bënj dot
non affrettarti mos u fulàr
l’agnello va e la pecora rimane (spesso muore il giovane e rimane l’anziano) qingji vete e delja qindron
sta/stai in equilibrio rri mbìcu
come cagna sgravata (donna molto magra) si qene e pjel
cagna in calore qenia ngllèhet
si è riposato/calmato u pushùa
vai come il cervo volante (persona frettolosa/veloce) vete si kali shtrìgavet
si è messa chioccia (donna fannullona) u vu kllòs
quella persona stringe la cinghia (persona che  patisce la fame) ai njiri shtringon brèzin
che civetta! (donna/persona sciocca) çi ti gurgullé
è cresciuto (bambino indipendente) u çùa
sei cresciuto nel ventre della mucca (crescere nel benessere) ti u rrite te barku lops
chi disprezza compra asini (chi critica sbaglia) kush shan gaidhùre blen
hai la faccia di colui che spinge la porta (persona scostumata) ke faqen si aì çi shtin deren
ho fatto fango (scarsa frequenza di un luogo) bëra balta
hai fede in colui che fa convergere le montagne (persona che non ha fede in ciò che le si dice) i ke besë atij çi merr një male e pjek me njeter
un dito di vino (un goccio di bevanda) një glisht verë
rotola come il fuso (persona che balla bene) rrutullòhet si boshti
gamba incrociata (persona che cammina male) këmbangrìq
si è messo con le gambe incrociate (stare senza far qualcosa) u vu me shalt ngrìq
cosa sono queste indivie che dici! (dire bugie) çi jan kto shkaròlla çi thua!
che inferno! (condizione di disagio) çi qo pisë!
s’infiamma la pece (persona che si litiga) zë piç
mi ha fatto insalate (ingannare) m’bëri nxallàta
bocca di chiave (persona che sa mantenere i segreti) buzklìçe
bocca di peto (persona che non sa mantenere i segreti) buzpòrdhë
lingua lunga (linguacciuto) gluhglàt
lingua cattiva (maldicente) gluhlig
puzzi come la cacca (persona scontrosa) qelbe si mùti
prendo la mora e brucio il rovo (scegliere la persona desiderata) marr mënzen e djeg ferrin
sei nato con la pelle del montone (persona fortunata) ti u leve me lkùren e dashit
niente di niente truhàlez
non ci sono noci in giusta misura (non tutte le cose dette sono  vere) s’jan arra sa trokullnjen
si scioglie la neve ed appaiono le feci (ogni cosa prima o poi viene alla luce) loset bora e duken mutrat
hai la faccia di neve (persona dalla pelle chiara) ke faqen si bora
becchino (persona molto povera) çi ki spirrlamòrt!
manico di tegamino (persona poco considerata) dorez tiganièli

 

Annunci