LE DONNE DIMAGRISCONO MENO FACILMENTE DEGLI UOMINI…PERCHE’?

Tratto da:Onda Lucana® by Dott. Francesco Nicola Riviello Genetista e Nutrizionista

Le donne, più degli uomini, manifestano una concreta difficoltà a perdere peso. A parità di condizioni (età, condizioni generali di salute, regime alimentare, attività fisica) un uomo manifesta una maggiore propensione a perdere peso velocemente rispetto alla donna. Ecco alcuni motivi per cui le donne, soprattutto quelle in sovrappeso o che soffrono di obesità, hanno maggior difficoltà a perdere peso rispetto agli uomini: 1. Alimentazione errata – Oltre gli effetti noti di zuccheri e carboidrati sul peso forma, è bene prestare attenzione al consumo di alimenti senza grassi e senza zuccheri. Spesso si tratta di alimenti privi di nutrienti vitali, questo implica il soggetto a consumarne in quantità elevate, ingerendo di conseguenza elevate quantità di calorie. 2. Attività fisica – Un programma di training opportunamente bilanciato tra attività aerobica e attività di forza può essere un’ottima risposta al perché non si riesce a perdere peso! 3. Tiroide – Le donne, più degli uomini, sono soggette a scompensi ormonali tiroidei, con particolari conseguenze sul funzionamento del metabolismo.

diet-695723_960_720.jpg
Immagine tratta da repertorio Web

La riduzione dell’ormone T4 (tiroxina) è la tipica condizione di ipotiroidismo, tra i cui sintomi annovera l’assunzione di peso, debolezza fisica, pelle e capelli secchi, stipsi. Analisi specifiche (ad es. screening della tiroide, analisi del sangue) permettono di evidenziare la presenza di anomalie nel funzionamento della tiroide ed individuare nell’immediato una terapia ad hoc per ripristino delle corrette funzionalità. 4. Stress – Lo stress emotivo può incidere notevolmente sul metabolismo della donna, provocando una continua assunzione di peso. Responsabile dello stress è l’ormone cortisolo, che genera nel soggetto un aumento del senso di fame, favorendo un accumulo di grasso soprattutto nella zona addominale. 5. Utilizzo di farmaci – Sovente, tra le controindicazioni di taluni farmaci, c’è la possibilità di prendere peso.

Si tratta di uno degli effetti collaterali delle pillole anticoncezionali. In questi casi è bene valutare con il proprio ginecologo l’eventualità di adottare una terapia differente. 7. Non dormire abbastanza – Il sonno è fondamentale per lo stato di salute generale dell’individuo. Dormire poco, svegliarsi spesso, avere un sonno disturbato nel lungo termine può generare degli scompensi metabolici, tra cui l’assunzione di peso. 8. Gestione delle emozioni – Il cibo spesso diventa il rimedio per contrastare condizioni di ansia, di noia o infelicità, provocando un veloce aumento del peso. In queste circostanze pratiche di rilassamento (passeggiata, yoga) possono ovviare all’incubo di assunzione sconsiderata e non motivata di cibo. 9. Intolleranza al cibo – L’aumento del peso può essere determinato da un’intolleranza a un determinato cibo. Qualora si abbia il sospetto di un’intolleranza a una sostanza è bene eliminare per un periodo gli alimenti che la contengono dalla propria dieta (dieta di eliminazione), per reintrodurli successivamente, annotando periodicamente il proprio peso per evidenziare eventuali cali o aumenti in corrispondenza del consumo o meno di tali alimenti.

Tratto da:Onda Lucana® by Dott. Francesco Nicola Riviello Genetista e Nutrizionista

dott.riviello@gmail.com

Annunci