A di da pett’natur

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

A scen ier pront

Ij i tr’mnt’v da lunt’n,

fasc’v fint d sciuchuij

che ne d fastijdij

a cheda scen d’autor;

na sedij v’cin a f’nestr

assis armess st’v nann’ij

che vrazz sus a spadder

a spadda lib’r che accoghij

chijd capidd logn logn

ca na s ler mich taghij’t

da quann ier n’t.

A p’tt’natric ier pront:

a p’tt’ness ijntr e m’n

che a prima pass’t,

po u pett’n f’rn’v l’opr

da c’p a punt di capijdd;

no s f’rn’v mich!

I capidd sp’zz’t s’accughiav’n

che cangiall che cud r’cattiijr

v’nut da nald pais,

che spill e i gomitl d ch’tton,

oppur pett’n o ueghij speciel che capijdd.

F’rnut a p’tt’n’t,fatt i ciocch,

nann’ij aiut’v a mant’nars

Ijntr e m’n i ciocch pront

che pass’ij u ueghij che fall luscij.

Pighiav’n i ciocch e na trecc logn

s fasc’v,che arrotolij ret o cuzzett

che f nu bell tupp!!

Il giorno della pettinatura.

Il rituale era pronto:

io ad osservare di fronte,

facevo finta di giocare

per non disturbare

quella scena d’autore;

una sedia vicino alla finestra

seduta alla rovescia stava mia nonna

con le braccia sulla spalliera

e la spalla libera di accogliere

i suoi lunghissimi capelli

che non aveva mai tagliato

sin da quando era nata.

La pettinatrice già pronta :

la pettinessa tra le sue mani

per la prima passata,

poi il pettine completava l’opera

dal capo alla punta dei capelli;

non si finiva mai!

I capelli spezzati si raccoglievano

per barattarli con quell’ambulante

venuto da un altro paese,

con spille e gomitoli di cotone,

oppure pettini o olii speciali per le folte chiome.

Finita la pettinata ,fatta a ciocche,

mia nonna collaborava tenendosi

tra le mani le ciocche già pronte

per passare l’olio e farli brillare.

Prendevano le ciocche e una lunga treccia

si costruiva,per arrotolarla dietro la nuca

formando un bel tuppo !!!

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

N.B.

Dialetto dell’area tra Laterza e Matera

Annunci