A ZAPPLUSCIJ

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

S avanz’v a schier

sus o camp d gr’n

s est’rp’v l’erv brutt

ca allarij u s’m’nt

sp’rann a na non ann’t.

L’arij mal’t,ijntr o pant’n,

d’v da mangij,

Ma spiss ti fasc’v parij!

Chiù cr’stijn fasc’v ammalij;

a malarij n attach’v

gunun uariv

anghiut d ch’nin .

Ce str’n a vit

ci selezion’v v’n’v selezio.

pur ci na iern brutt

ma sfurtun’t.

LA PULITURA DEL GRANO

Si avanzava a schiera.

sul campo di grano,

si estirpava l’erba cattiva

per dar spazio al seminato,

sperando sempre in una buona annata.

L’aria malsana, nel ricco pantano,

dava il mangiare,

ma spesso se la faceva pagare!

Più persone faceva ammalare;

la malaria ci attaccava,

qualcuno guariva

riempito di chinino.

Che strana la vita.

i selezionatori venivano selezionati,

anche se non erano cattivi,

ma sfortunati.

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

 

Annunci