Femm’n crios

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

Quand r’cord ascunnut

da cud facc’lett gnur

ca t fascij’v a c’p!

Citt,citt stijv o quest mi

ogni tant na aiut.

Ij c’rch’v d cupiart

tu ier chiù svelt,

ogni tant nu cunsijgl!

curv’t nderr,avanzijv

che chijd m’n meccan’ch,

Ca accughiav’n alia.

Lunt’n da tutt,

manch na tr’mndut,

t mittijv a br’vogn

ma nu carizz m fashcijv.

Ier criatur e ne sap’v com.

mo da grann so che t.

Nipot d nu briant

scapp’t in America ,

attant l’ha seguit

e si st’t tradit,

senza sap comij.

Mam’t t lassò

s n scij ncijl do dispiacer.

Rumanijst sol,

chiù d ngunun approfittoij,

Tu cedijst,non ca t piasc’v,

ma ier sol e indifes,

i t’nijst segret chijd abbus

p’nsann che a colp

ier da carn a toij

dach’sì provvocant!

Se saput lo stess

cud disonor

che macchiò a t

e non a ci t violentò.

S s’p che i cr’stijn so per b’n

quann ne ven’n tuqu’t

apposto si st’t isol’t!!!

Donna misteriosa.

Quanti ricordi celati.

da quel fazzoletto oscuro

che ti fasciava la testa!

Silenziosa stavi al mio fianco,

ogni tanto un aiuto.

Io cercavo d’imitarti,

tu eri molto più svelta,

ogni tanto un consiglio!

Piegata per terra, avanzavi

con quelle mani meccaniche,

che raccoglievano le olive.

Lontana da tutti,

nemmeno uno sguardo,

ti vergognavi a parlare

ma qualche carezza avevi per me.

Ero bambino e non sapevo perché,

ora da grande sono con te.

Nipote di un brigante

scappato in America,

tuo padre l’ha seguito

e sei stata tradita,

senza sapere perché.

Tua madre ti lasciò,

volò in cielo per il dispiacere.

Rimasta sola,

più di qualcuno approfittò,

tu cedesti,non dal piacere,

ma eri sola e indifesa,

l’hai tenuti segreti quelli abusi,

pensando che la colpa.

era della tua carne

così provocante!

Si è saputo lo stesso

quel disonore

che ha macchiato te.

e non i tuoi violentatori.

Si sa che la gente è per bene

quando non viene toccata

per questo sei stata isolata!!!

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

 

Annunci