U Uagnon da p’tij (u fal’gn’m)

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

Buongiorn u mè.

buongiorn a t’ij.

ruighijt prim a matin.

u prim r’mbrov.

iapr i uecchij.

u prim avvertiment.

pighij a scop.

e aqueghij i ziaredd.

u prim cumman.

nanz sc’tt’v nudd.

i ziaredd e i stozz’r.

du scart di tav’l.

s m’ttav’n ijntr o cascion.

s’r’vav’n c’app’c’catur.

e lion ijntr a cucin.

e pur a carvunedd.

ijntr a fracer.

u mè e f’rnut.

addrizz i centr.

second cumman.

tra picch a sci.

a ienghij u cuch’m a mestr.

terz cumman.

iapr i uecchij.

second avvertiment.

ancor spasc u cuch’m.

ca stascedd la v.

terz e ult’m minacc.

ier a staggion du cinquantanov.

t’n’v sei ann.

Il garzone di bottega (fal.)

Buongiorno maestro

buongiorno a te

svegliati prima la mattina

il primo rimprovero

apri gli occhi

il primo avvertimento

prendi la scopa

e raccogli i trucioli (di legno)

il primo comando

non si buttava niente

I trucioli e i pezzetti

dello scarto delle tavole

si mettevano nel cassone

servivano per accendere

la legna nella cucina

e pure la carbonella

nel braciere

maestro ho finito

raddrizza i chiodi

secondo comando

tra poco devi andare

a riempire l’anfora alla maestra

terzo comando

apri gli occhi

secondo avvertimento

ancora rompi l’anfora

con la bacchetta lo devi prendere

terza e ultima minaccia

era l’estate del cinquantanove

avevo sei anni

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

 

Annunci