U PASTURIJDD

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

A matin tard

quann s mung’v,

cum’ng’t prim d f di,

pur tu stijv;

mungijv chijd pren

co latt ier chiù picch,

“”che mbarart meghij”,

discevn i mass’r

ass’ij chiù grann d t.

U sol s ier alz’t;

i cangedd’r saprer’n

quann passò a morr,

ca pighi’v a vij

da v’rrasc’n di murg.

Tu,appriss a laldun

chiù grann d t,

do c’n pastur

e nu cagnuel ass’ij affezion’t

i seguijv che vostr

bastun e tascapp’n

che ijntr u p’n e

e nu stuezz d furmagg.

A pasc s sc’v ijntr e st’rppin,

o ijntr e vosch d fragn,

lunt’n de camp

e da massarij.

vu i tr’mn’tijv,

attijnt ,attijnt a morr

fin a quann pun’v u sol,

quann s turn’v

stanch e muert d f’m,

ma a sciurn’t sp’cc’v

shcijtt quann lult’m p’ch’r

ier d’t tutt u latt su!

Il pastorello

La mattina tardi ,

alla mungitura ,

cominciata prima dell’alba,

anche tu partecipavi;

ti toccavano le gravide

il cui latte scarseggiava,

“per meglio imparare”,

dicevano i massari

molto più grandi di te.

Il sole già alto ;

i cancelli si aprivano

al passaggio del gregge,

che prendeva la via

dei pascoli della Murgia .

Tu ,insieme ad un altro

più grande di te ,

due cani pastore

e un cucciolo molto affezionato,

lo inseguivate con i vostri

bastoni e tascapani

con dentro il pane

e un pezzo di formaggio.

I pascoli nelle steppe,

o nei boschi di frango,

lontano dai

Voi lo guardavate ,

stando attenti al gregge

fin quasi al tramonto,

quando si ritornava

stanchi e affamati,

ma la giornata finiva

solo quando l’ultima pecora

aveva dato il suo latte!

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

 

Annunci