A VUL’MIJ

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

Tutt a nott a p’nsij

o panarijdd e a forb’c

ca ier a sci a vul’mij

m l’er ditt tatij a s’r

uagliò pr’par’t che crematin

a v’nì che nu a vul’mij

m s’nt’v chiù grann

u pan’r e a forb’c

pront che taghij

ched’uva ner

ca t fasc’v app’z’chij i m’n

u prim pan’r

u secondo chijn a culm

u prim tijn iè chijn

i femm’n cant’n

i canzun antich

po u fijsch d tatij

tutt a f culazion

p’n,pumm’dor e r’cott fort

e na vepp’t o fiasch

chijd chiù grann

I uagnidd e i criatur

nu picch d’acquj do cuch’m

f’rnut d mangij

s tor’n a v’lumij

A Vendemmiare

Tutta la notte a pensare

al cestino e la forbice

che dovevo a vendemmiare

me l’aveva detto mio padre la sera:

ragazzo preparati che domani

devi venire con noi a vendemmiare

mi sentivo più grande

il cesto e la forbice

pronto per tagliare

quell’uva nera

che ti faceva appiccicare le mani

il primo cesto

il secondo pieno zeppo

il primo tino è pieno

le donne cantano

le canzoni antichi

dopo arriva il fischio di mio padre

tutti a fare colazione

pane,pomodori e ricotta forte

e un sorso al fiasco

quelli più grandi

le ragazze e i bambini

un po’ di acqua dall’anfora

finiti di mangiare

si torna a vendemmiare.

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

 

 

Annunci