A PRIMA DIJ DU M’R

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

S part’v oscur,

a c’è ior ne sacc,

muert d suenn

v’n’v aiut’t da chijd gross

vrazz d’attan’m

a ghian’ij sus o train

che scij lunt’n!

Accucc’t ret a na stangh nu criatur,

e sbatt’tur dolc du train

e o rmor piacev’l di rot,

o scur da nott,

schiarit appen da lun,

n addurm’sciamm, cuntent,

p’nsann c’è nasp’tt’v.

Quann st’v a schiarij d prima matin,

ador du m’r,

o sciacquij d l’ond,

nu criatur c ruighiamm

allegr,saldann,

agg’ramm atturn atturn a mamm,

acom e c’n quann fasc’n fest e patrun,

ca pazijnz,asp’tt’v

quann m f’rmam,

che darn nu stuezz d f’cazz:

a culazion.

IL PRIMO GIORNO DI MARE

Si partiva col buio,

l’ora non so,

mezzo assonato

venivo aiutato dalle possenti

braccia di mio padre

a salire sul traino

per andare lontano !

Accucciati dietro una sponda noi bambini,

allo sbattere dolce del traino

e al rumore piacevole delle sue ruote,

al buio della notte,

illuminata appena dal chiarore della luna,

ci addormentavamo,felici,

pensando alla meta che ci attendeva.

Al chiarore dell’alba,

all’odore del mare,

Allo sciabordio delle onde,

noi bambini ci svegliavamo

festosi,saltellando ,

girando intorno a mia madre,

come i cani che fanno festa ai loro padroni,

che pazientemente ,attendeva

la nostra quiete,

per darci un pezzo di focaccia :

la colazione!

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

 

Annunci