Era Quasi Mio Padre

Tratto da: Onda Lucana® by  Emilio Basta da Venosa

Il fiume della vita

Da veloce scorre lento

Sordo e silenzioso

Nell’aria cupa d’agosto

Non si ode più

Lo striscio dei rettili

Le rondini si sono levate alte

Il giorno cede la luce diffusa

Tace ogni cosa sulla terra arida

Si dorme il sonno del distacco

Il suo viso pareva dirmi

Sento che è finito

Il gusto per la natura

La mia vita è un ostacolo

Ed io vi prego amici

Niente lacrime

Non piangete sul presente

Non piangete sul futuro

Non innalzate preghiere

Aspettandovi elargizioni

Il randare inizia e finisce

Io gioisco alla sola idea

Del richiamo selvaggio

Vi prego gente

Non elevate preghiere

Voi sapete il perché…

Tratto da: Onda Lucana® by  Emilio Basta da Venosa

 

 

Annunci