I LACR’M AM’R

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

A d’s’prazion

d st senza fatij

i venn a G’uann.

Quatt vocch da sfam’ij

na sap’v proprij a com ier a f.

A fatij ier picch

e ijd na sap’v c’e’ ier a f.

A na lett’r du cugin’s

ca s ner sciut a Mil’n

ca d’sc’v :a Mil’n st tant fatij

ca ci nang ue’ fatiej tu rum’n abbijnd.

Arriv,arriv damm u tijmp d’accoghij nu picch d sold e vegn.

D’acch’si’ i

terr e i pais nostr d’v’ntorn chiu’ sanizz e chiù p’c’nenn.

LACRIME AMARE

La disperazione

di stare senza lavoro

venne a Giovanni.

Quattro bocche da sfamare.

Il lavoro era poco

e lui non sapeva cosa fare.

A una lettera del cugino

che se n’era andato a Milano

che diceva : a Milano sta tanto lavoro

che se non vuoi lavorare rimani senza.

Arrivo,arrivo dammi il tempo di accumulare un pò di soldi e vengo.

Così

le terre e i paesi nostri diventarono più aride e più piccoli.

Tratto da:Onda Lucana®by Giuseppe Surico

Annunci