A VEST”CEDD

Tratto da:Onda Lucana ®by Giuseppe Surico

A vest’cedd nu picca scolorit

quatt corp’cedd av’v abbughijt

ma ier semp important

e fest che cumbarij.

Po,s lav’v bel,bel,

e arr’p’t

che lalda fest!

I Cusij nann’ij ca prima fighij

ca purt’v u nom su;

a mamm accatoij i scarp,

i calzijtt,u collett i f’sc

a zians all’uncinett.

Ier bell Marij

v’stut a fest

che onoreij a Madonn

protettric du pais

a di da festa so.

Dop tuquò a Lucij

pur iedd raggiant ijntr a cheda vest’cedd!

Tutt i volt che si m’tt’v

s s’nt’v important.

O turn d Assunt,

dopp sett’ann,

nu picca sbiadit,

nu picch allarijt,

nang d’v chiù nu bel v’dij

o fisch mazz tuij!

A fin tuquò a t Rosa

com tutt i cos

ier semp l’ult’m a mett’l!

Che tij nanner important;

e str’n a vit: a prim u nuev

da second all’ult’m l’us’t!!!

IL VESTITO

Il vestito un po’ sgualcito

quattro corpicini aveva coperto

ma era sempre importante

alle feste doveva apparire.

Poi,lavato con cura,

veniva conservato

per la prossima festa!

Lo cucì la nonna alla primogenita

che portava il suo nome;

la mamma comprò le scarpe

le calze ,il colletto ed il fiocco

la zia lo fece all’uncinetto.

Era bella Maria

vestita a festa

per onorare la Madonna

protettrice del paese

nel suo giorno di venerazione .

Dopo toccò a Lucia

anche lei raggiante in quel abitino!

Tutte le volte che l’indossava

si sentiva importante.

Al turno di Assunta,

dopo sette anni,

i colori erano un po’ sbiaditi

un po’ allargato

non dava il giusto risalto

al suo esile corpo!

Alla fine toccò a te Rosa

come tutte le cose

eri lo stop di tutto!

Per te non era importante;

strano destino: la prima il nuovo

dalla seconda all’ultima l’usato!

Tratto da:Onda Lucana ®by Giuseppe Surico

 

Annunci