Chi ha vinto la Dakar, il rally più prestigioso del mondo

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo

Il rally più importante del mondo si è concluso. La Dakar, il rally raid di 11 giorni che si corre in Sudamerica, ha due vincitori. Tra le auto svetta Nasser Al-Attiyah, rallista del Qatar. Tra le moto, svetta Toby Price. È la terza vittoria per il pilota automobilistica. La seconda, invece, per il centauro australiano.

La vittoria di Al-Attiyah e Matthieu Baumel oscura una delle più grandi star del mondo rallistico. Si tratta di Sebastien Loeb, terzo in classifica generale a dispetto del maggior numero di vittorie di tappa. Ben quattro delle dieci tappe sono andate infatti al pilota francese della Peugeot, che però, per problemi tecnici, non riesce ad agguantare nemmeno la piazza d’onore.

50029883_2189842984410262_6302199255100555264_n

L’oro di Al-Attiyah/Baumel dipende dallo splendido lavoro di casa Toyota. Il Costruttore giapponese ha trascorso gran parte del 2018 a mettere a punto la Hilux numero 301 con cui ha vinto il rally raid. In tempi cronometrati, la coppia vincente aveva quasi un’ora di vantaggio sui diretti rivali e ha corso in tutta scioltezza l’ultima tappa della corsa. Addirittura si è classificato 12° nell’ultima giornata: tanto gli è bastato per vincere.

L’argento è andato invece a una vecchia volpe del rally internazionale. Si tratta di Carlos Sainz, padre dell’ex pilota Toro Rosso e nuovo acquisto della McLaren in Formula 1. Sainz senior si allineava alla partenza di questa Dakar come campione in carica. Ha subito però problemi tecnici per tutta la corsa e perciò non ha potuto replicarsi.

50922818_2257919687864888_4732903344278863872_n.jpg

Tra le moto Toby Price matura invece il 2° alloro nel suo personale palmarès. Al manubrio della sua fedele KTM, Price è riuscito anche a vincere l’ultima tappa del rally raid. Risultato che lo ha fatto scampare dall’onta di vincere la grande corsa senza conquistare nemmeno una tappa: la sua costanza lo ha sempre tenuto in alto nella classifica, ma fino alla fine si temeva che avrebbe conquistato la vittoria senza cogliere manco una speciale.

E pensare che Price, finito in sala operatoria giusto qualche mese fa, avrebbe perfino potuto non partecipare. Ma una frattura al polso non ha spento i suoi bollenti spiriti. Eccolo dunque in giro per l’America Latina, a cogliere un successo che per la KTM è il 18° alloro di fila. Scia impressionante che lascia a bocca aperta tutti i competitor.

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo