EX AREE PROGRAMMA ANCORA AL PALO                          

Ancora una volta USB interviene per sollecitare la Regione Basilicata al fine di dare dignità e giusto ruolo e riconoscimento al personale delle ex Aree Programma inserito a tutti gli effetti nell’Organico dell’Ente dopo tantissimi anni tenuti in un ruolo speciale. Nonostante la Legge Regionale n. 39/2017, che ha previsto “la riassunzione in capo alla Regione delle funzioni delegate a seguito della soppressione delle Comunità Montane e cessazione del ruolo speciale ad esaurimento di cui all’art. 28 della legge regionale 4 agosto 2011 n. 17”, il personale citato viene tenuto in una sorta di limbo e la Regione non riesce a dare un ruolo specifico e compiti specifici a questi lavoratori che da sempre si sono occupati in particolare di tutta la partita che riguarda la forestazione e la gestione dei relativi cantieri. Ancora a tutt’oggi questo personale viene considerato di categoria  inferiore a cominciare dal fatto che non è inserito a tutti gli effetti nell’Organico.

Infatti il personale in questione non ha ancora una mail istituzionale con la quale relazionarsi con l’Ente ed il Dipartimento di appartenenza, non è in possesso di badge che li riconosca come dipendenti(infatti se si recano presso la Regione sono costretti a consegnare un documento alle guardie giurate per accedere agli uffici come se fossero semplici cittadini). Nessun lavoratore è in possesso di assegnazione e ruolo di competenza, nonostante gli stessi con coerenza e meticolosità continuano a svolgere il proprio compito in collaborazione con il Consorzio di Bonifica. USB è intervenuto costantemente per rivendicare  dignità e professionalità di questi lavoratori non ricevendo mai alcuna risposta definitiva da parte dell’Ente Regione.Pertanto ancora una volta si chiede alla Regione di definire tale situazione e si proclama lo stato di agitazione del personale come stabilito nell’incontro tenuto in data odierna.

Il Coordinatore-Francesco Castelgrande

Tratto da: Onda Lucana® Press

Annunci