Meno gioie per Più Europa

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo

Il congresso fondativo di Più Europa ha incoronato Segretario Benedetto Della Vedova. Ma tutti parlano dei «pullman di Tabacci». Pesanti accuse di brogli cadono sul leader del fu Centro democratico. E Fusacchia, deputato del partitino boniniano, minaccia di sciogliere il gruppo parlamentare. (Che detto per inciso, a essere onesti, è solo una componente del Misto).

Un’inchiesta giornalistica ipotizza che Bruno Tabacci ha pagato vitto, alloggio e viaggio a famiglie e famiglie per venire a votare al congresso. La nascita del partito europeista infatti si è celebrata con una convention aperta a tutti gli iscritti. E fonti interne riferiscono che interi gruppi di elettori si sono presentati solo per votare. Abbandonando poi la sala per visitare Milano.

51724427_147526222834608_6565768594758565888_n.jpg

Open, il giornale di Mentana, riferisce che uno dei principali «centri di potere» è stata proprio Potenza. Comunque siano andate le cose, pullman o non pullman, nessuno si aspettava che Bruno Tabacci avrebbe controllato il 30% dell’assemblea nazionale del partito. E anche se Della Vedova era sempre apparso in pole position, i risultati congressuali rendono Tabacci l’azionista di maggioranza della nuova segreteria.

Le polemiche sono partite fin da subito. E negli ultimi giorni si fanno sempre più insistenti. Al punto che le tensioni stanno divorando la nuova formazione. Un vero problema, visto che le elezioni europee sono ormai all’orizzonte. Il nuovo partito del centrosinistra deve scegliere come comportarsi. (Teniamo presente che un’alleanza con Volt sembra ormai sfumata, forse proprio per un veto posto da Tabacci).

Nel frattempo, Fusacchia minaccia di sciogliere la componente del gruppo Misto alla Camera. Tabacci ribatte: «Basta polemiche, chi dissente non accetta il risultato del congresso». Siamo in un partito di centro, eppure sembra di essere nell’estrema sinistra.

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo

Annunci