La paura della rissa tra Vettel e Leclerc

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo

Charles Leclerc darà fastidio a Sebastian Vettel? Molti ferraristi temono (o sperano) che il duo del Cavallino sia più scoppiettante del previsto. Il nuovo pilota monegasco ha talento da vendere e si crede che darà fastidio a Vettel. D’altro canto la squadra si augura che la convivenza sia pacifica. Dopo la rivoluzione, Maranello non può più sbagliare.

Sostituire Raikkonen e Arrivabene con Leclerc e Binotto ha segnato un cambio di passo nella Scuderia. Un pilota più performante e meno accomodante nei confronti di Vettel, per indebolirne il peso politico. Il #5 paga l’aver buttato a mare (non da solo, in verità) il titolo 2018. Giacché Maranello e l’Italia tutta (in particolare Torino…) aspettano dal 2007. Ma non solo. Altra mossa che spiace al pilota tedesco è la sostituzione del direttore di squadra: Binotto subentra ad Arrivabene, che aveva piena fiducia nel pilota di Heppenheim.

53043611_637935203305491_2725709103581102080_n

Adesso non è chiaro quale sarà la linea di Maranello nei confronti di Leclerc. «Charles sa che è Sebastian la prima guida» diceva Binotto qualche giorno fa. Ma se da un lato il web si popola di immagini di Leclerc – ironizzando su testacoda e fuoripista di Vettel – dall’altro il rischio che il monegasco non abbia capito la traccia è palpabile. Pochi giorni fa il giovanotto ha stampato bei tempi nelle sessioni di collaudo di Barcellona. Che l’abbia fatto per farsi vedere o che sia un progetto della squadra non è dato saperlo. Fatto sta che giornali e social media sono tutti perdutamente innamorati del #16. Domanda numero 1: Leclerc starà al suo posto?

Si tratta di un problema per Sebastian Vettel. Il quattro volte campione del mondo insegue da ormai quattro stagioni l’iride con la Rossa. E che l’anno passato abbia attraversato un periodo difficile è evidente. Tutti questi segnali non devono certo far bene al suo umore. E a sgomberare il campo da speculazioni e fantasie, resta una carta incontestabile. Ovvero: se negli anni scorsi divideva il box con un finlandese che dava scarsa importanza alla sfida interna, adesso avrà un compagno che deve dimostrare chi è e quanto vale. Anche per ritagliarsi uno spazio all’interno della Scuderia. Non proprio una situazione confortevole. Domanda numero 2: Vettel reggerà la pressione?

Alla pista l’ardua sentenza.

Tratto da:Onda Lucana® by Marco Di Geronimo