ARIA RE PASQUA

Tratto da:Onda Lucana ®by Giuseppe De Vita-Avigliano (pz)

Suoni cupi

re rancasce, ramalatte,

taratoccole, zerre e zichibbuchi;

aria freccecaròla

inta dde matenàte r’abbrili;

adduri a foleàte

re iuri re l’uorto, ‘nzevati,

come re ‘nna magnolia allecerùta;

ragli re ciucci ‘nnamorati;

nuvole ianche

come vammàci

ca velano lo sole;

lo tiàno s’abbrùscola a lo furno;

le pizzachiene ‘ndorat

so’ spase ‘ncoppa ‘nna graddicedda.

Se commòglia lo core

ca sprofonna cco Cristo a lo sabburco

e aspetta re se veste a festa,

ammente Cristo, appentòna la Morte,

‘nge carreca ‘nguoddo

e nge porta a bence puri a nui.

GIUSEPPE DE VITA

(dialetto del Cilento interno)

IN LINGUA

ARIA DI PASQUA

Suoni cupi

di grancasse, lamiere,

taratoccole, raganelle e cupacupa;

aria frizzante

in quelle mattinate di aprile;

odori a folate

di fiori dell’orto oleosi

come di una magnolia sfatta;

ragli di asini in amore;

nuvole bianche

come bambagia

che velano il sole;

il tegame di coccio si indora al forno;

le pizzepiene sono dorate

ed affilate su di un graticcio.

Si copre il cuore

sprofondato con Cristo al sepolcro

e aspetta di vestirsi a festa,

mentre Cristo sconfigge la Morte,

ci carica sulle spalle

e ci porta a vincere pure a noi.

Tratto da:Onda Lucana ®by Giuseppe De Vita-Avigliano (pz)

 

Annunci