IL CORPO E L’ANIMA

Tratto da:Onda Lucana ®by Antonio Lanza-Pescopagano (pz)

Ti vedo sempre immobile,

però mi sorridi con gioia,

ti faccio correre nel cortile

per amore non per la noia.

Il mondo, che ti sta intorno

non ti ha mai considerato

per una penna e un quaderno,

che non hai mai utilizzato.

Cosa sanno loro della vita,

c’è voluto solo tanto amore

per chi è stato condannato,

per aiutarmi a non morire.

Un abbraccio come un dono

in un momento di sconforto,

una invocazione di perdono,

l’anima persa in un deserto.

Sabato puoi vedere il mare,

solo per cambiare il mondo

se ti bagna, lo puoi toccare,

ricordarlo negli occhi tondi,

come il tempo che non va,

nulla si muove intorno a te

e stai sdraiato e osservi là,

un’onda lontana eppure c’è.

Avanza, ma non ti toccherà,

solo un miraggio niente più,

per amore non permetterà,

che il mondo non lo vedi tu,

un giorno lungo, il tramonto,

poi viene l’ora d’andare via,

due mani ti stanno accanto

e poi riparte la tua fantasia.

I tuoi capelli sono così neri,

un ragazzo l’invidia perché

ha meno anni e più pensieri

non il dramma, che c’è in te.

lo vivi senza mai imprecare,

alla sorte non si dice mai no

e in cuor tuo una preghiera,

al cielo chiede d’amarti un po’.

Tratto da:Onda Lucana ®by Antonio Lanza-Pescopagano (pz)

Annunci