L’ASSOCIAZIONE CIECHI, IPOVEDENTI ED INVALIDI LUCANI ACIIL ONLUS
PUBBLICA
DIECI RACCONTI PER SAMMY DI VITO COVIELLO

QUARTA DI COPERTINA

“Dieci racconti per Sammy” è una raccolta di storie, racconti e favole
piacevole da leggere ai bambini, la sera, prima di andare a letto.
L’autore narra al bambino Sammy – quasi come se le raccontasse a se stesso
– le sue vicende da piccolo e la descrizione di come era il suo paesino di montagna sessant’anni fa.
L’autore Vito Antonio Ariadono Coviello è nato a Sarnelli, frazione di Avigliano
(PZ) nel 1954, vive e risiede a Matera dove è felicemente sposato ed ha una
figlia. Vito Antonio Ariadono Coviello è diventato cieco a causa di un glaucoma
cortisonico vent’anni fa. Nel buio dei suoi occhi ma non della sua anima riesce
a fare quello per cui è portato: raccontare, scrivere ma, soprattutto,
condividere e regalare ai bambini delle favole e, perché no, anche un sorriso.
L’autore ha già pubblicato “Sentieri dell’anima”, “Dialoghi con l’angelo”, “Sofia
raggio di sole”, “Donne nel buio”, “Il treno: racconti e poesie”, “I racconti del
piccolo ospedale dei bimbi”, il quaderno di poesie “Poi…sia: un amore senza
fine” ed ora, ultimo ma non per ultimo, “Dieci racconti per Sammy”.

NOTA DELL’AUTORE

Ogni riferimento a fatti, cose, luoghi o persone sono puramente casuali.

RACCONTO QUATTRO: LA FESTA DI SANT’ANTONIO ABATE E LA BENEDIZIONE
DEGLI ANIMALI

Quando al mio paesello arrivava la festa di Sant’Antonio Abate i contadini portavano in piazza, davanti la chiesa di San Vincenzo, i propri animali per farli benedire: l’asinello, il bue, il cavallo, la pecora, il coniglio, la gallina, ecc perché Sant’Antonio Abate è il protettore degli animali. Dopo la benedizione si faceva la corsa con gli animali. A questa gara potevano partecipare i bambini dai quattro ai dodici anni. A secondo dell’animale scelto c’erano due fasce d’età: i bambini dai quattro ai sei anni e quelli dagli otto ai dodici anni. Per i primi, in piazza veniva liberato un coniglio  ed i bambini dovevano cercare di prenderlo.

I bambini si divertivano, correvano, giocavano, cadevano perché il coniglio saltellava a destra e a sinistra ed era difficile da prendere. Quando uno dei bambini riusciva ad afferrarlo, lo portava a casa e lo allevava. Invece, per i secondi, veniva liberato un porcellino tutto rosa e piccolino. Era difficile da prendere perché si divincolava e i bambini correvano dietro di lui. Anche il porcellino veniva portato a casa come premio del bambino che era
riuscito ad acchiapparlo.

Io ed i miei amici organizzavamo anche delle corse tra gli animali: avevamo preso delle lumache e le facevamo gareggiare ma essendo molto lente impiegavano una giornata intera per raggiungere il traguardo. Allora, avevamo
provato con le rane : ognuno di noi ne prendeva una, le allineavamo e da una linea di partenza tracciata sulla terra le lasciavamo partire.

Le rane, però, non saltellavano dritte ma un po’ a destra e un po’ a sinistra ed eravamo costretti a inseguire ognuno la propria rana e per farla saltellare in avanti la spaventavamo battendo il palmo della mano a terra. Si rideva tanto. Non contenti, avevamo provato con le tartarughe, molto difficili da trovare. Io ne avevo una piccola, simpatica con gli occhi azzurri, era di terra. Gli altri amici miei però non ne avevano e, quindi, non potevamo giocare.

Allora, organizzavamo le corse tra di noi: correvamo veloci e il vento ci accarezzava, per arrivare primi ci rotolavamo. Sammy anche tu puoi farlo devi solo continuare ad esercitarti. Lo so Sammy che è difficile ma ci vuole tanta pazienza. Sono sicuro che riuscirai a correre anche tu e sentirai il vento tra i capelli. E ti prometto che andremo anche in piazza a Castel Lagopesole ed il giorno di Sant’Antonio Abate correremo dietro il coniglietto o il porcellino, quello che vuoi tu.

Beh è tardi Sammy, sono stanco, forse ho la febbre ma non ti preoccupare mi curerò. Anche noi vecchietti, ogni tanto, ci ammaliamo: prendiamo le medicine e mangiamo tanta verdura e frutta perché contengono vitamine. Quando ero bambino non mi piacevano tanto le verdure, con l’avanzare dell’età ho imparato a mangiarle perché so che fanno bene alla salute, anche se hanno un odore un po’ sgradevole. Vado a dormire Sammy. Buonanotte, ad un altro racconto.

Ciao.

Tratto da: Onda Lucana® by Vito Coviello

 

Annunci