EREVA RE VIENTO

Tratto da:Onda Lucana ®by Giuseppe De Vita-Avigliano (pz)

Ereva re viento,

t’abbasta ‘nna sénga

re ‘nno muro viecchio

e sgarrupato

pp’apperà a campà.

‘Nna spera re sole, ma,

n’adda manca lo viento

ca te scerpola e pare

ca te pasci sulo re viento.

 

Ddo viento ca te sceèrpola

come fossi li capiddi

re ‘nna bella femmena.

 

Tieni cunto, orla lo muro,

èreva re viento, ca

com’a tti tanta re nui,

puri si sbattuti ra

la tropéia re la vita, ato no fano

c’abbellì ‘nno muro,

c’apparà ‘nna senga.

Povera, umile e jelàta, èreva re viento.

 

Erba di vento (parietaria)

Erba di vento.

Ti basta una fessura

di un vecchio muro

malandato per cominciare a crescere.

Un raggio di sole, ma,

non deve mancare il vento,

che ti scompiglia e sembra

che ti pasci solo di vento.

Quel vento che ti scompiglia

come fossero i capelli

di una bella donna.

Tieni da conto, lungo il muro,

erba di vento, che

come te tanti altri di noi,

anche se sbattuti dalla bufera

della vita, altro non fanno

che abbellire un muro,

che appianare una fessura.

Povera, umile e fragile, erba di vento.

Tratto da:Onda Lucana ®by Giuseppe De Vita-Avigliano (pz)

Copertina fornita dall’autore.