Mondo senza pietà

 

Tratto da:Onda Lucana ®by Antonio Lanza-Pescopagano (pz)

 

Ho gli occhi spenti non vedo lontano,

la pioggia aumenta la mia malinconia,

un mondo di misteri, e pieno di fobie

cancella in me tutto quel che rimane.

Mondo senza pietà, senza amore

non accendi più le stelle nel cielo

a un vagabondo che si sente solo

e la bontà non abita più nel cuore.

Perché non sei più tu,

sei cambiato come mai,

sapessi il male che mi fai,

io non ti riconosco più.

Il mattino spunta ma non da speranza

dove andare e che fare, io non conosco,

non sussurra il vento laggiù nel bosco,

mentre una volta che gioia quella danza.

Mondo distratto senza passioni,

che spingi il mare contro le vele,

su un prato in fiore oscuri il sole,

sei vinto da altre mille tentazioni.

Perché ti diverti tanto tu

con la tristezza, che uccide

con la noia, che non ti dico,

una strada non trovi più.

Non sento più i battiti per me nel tuo cuore

non so perché si sono spenti all’improvviso,

mi restavi solo tu la freschezza del tuo viso,

l’animo inquieto in una tempesta nel mare.

Mondo dispettoso non dici niente

sorridi dall’alto sulle nostre ferite

sulle angosce, sugli amori perduti,

sei perverso, che hai nella mente.

Perché non sei più tu…

Perché sei così lontano,

riportaci l’amore perduto

siamo confusi, così smarriti

e non è colpa del destino.

 

Tratto da:Onda Lucana ®by Antonio Lanza-Pescopagano (pz)

Immagine di copertina tratta da web

Annunci