IL PIU’ AMATO DAGLI ITALIANI: SANDRO PERTINI

Tratto da:Onda Lucana® by Angelo Ivan Leone-Docente di storia e filosofia presso Miur

L’8 luglio di 41 anni fa veniva eletto a presidente della Repubblica l’onorevole Sandro Pertini. Era il 1978. L’Italia era un Paese dilaniato dal terrorismo rosso, nero e dalla strategia della tensione, colpito dagli scandali che avevano addirittura costretto alle dimissioni il predecessore di Pertini alla presidenza della Repubblica, l’onorevole Giovanni Leone. Nell’anno che fu il punto apicale di quelli che passarono alla storia con la denominazione di “anni di piombo” la classe politica riuscì a scegliere un uomo che seppe, come scrisse Montanelli: “interpretare al meglio tutti i difetti degli italiani”.

0.jpeg

E fu amore. Immediato, sconfinato e plebiscitario. Il Paese seppe riprendersi alla grande e risalì la china di uno dei periodi più bui della nostra storia repubblicana. Come non ricordare che il bellissimo ciclo di filmati dedicati a quegli anni girati dall’ex direttore della Rai Sergio Zavoli si chiamava, non a caso: la notte della repubblica?

Ecco, se riuscimmo ad uscire da quella notte, gran parte di quella vittoria sulle tenebre di una deriva “cilena”, per usare la terminologia del tempo, che sembrava dietro l’angolo, la ebbe proprio l’aver trovato nella semplicità, nella freschezza, nell’onestà, nel coraggio e, soprattutto, nella Resistenza di Pertini un sole che venisse a dissolvere queste tetre sciagure e figure dall’avvenire del Paese.

Gli italiani lo amarono e lui amò loro. Nella lettera in cui rifiutava la grazia che la madre chiese ai tempi del fascismo, essi videro un uomo come tutti avrebbero voluto essere e come pochissimi, purtroppo, sapevano di poter essere.

Fu l’uomo che riunificò il Paese. Un padre della patria che seppe riunire e portare avanti gli italiani. Italiani che non dimenticarono mai questo enorme servigio reso loro e con questo sentimento di eterna gratitudine e riconoscenza lo amarono. Di lui, ancora oggi, vogliamo e possiamo dire quello che Nilde Iotti sul feretro di Enrico Berlinguer, disse: “Grazie Presidente Pertini.”

Tratto da:Onda Lucana® by Angelo Ivan Leone-Docente di storia e filosofia presso Miur

Si ringrazia l’autore per la cortese concessione.Immagine fornita dall’autore.

Annunci