Rosa Carafa: censire e catalogare i beni materiali e immateriali di zampogne, ciaramelle, flauti…delle regioni del Sud.

L’iniziativa a margine del convegno organizzato dall’Associazione Amici della Zampogna di Polla (SA)

Parte un progetto coordinato dalla Soprintendenza di Salerno e Avellino, diretta da Francesca Casule.

Al “Gran Galà della Zampogna e della Ciaramella tradizionale a ricordo di Carmine Trimarco”, svoltosi a Polla (Sa) nei giorni scorsi , ha  partecipato anche la Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, diretta da Francesca Casule.

L’iniziativa promossa e realizzata dall’Associazione Culturale Amici della zampogna e della ciaramella Giuseppe Sacco, ha visto l’intervento della Dott.ssa Rosa Carafa, Responsabile Area Funzionale Patrimonio Demoetnoantropologico della Soprintendenza, che ha avviato un lavoro di ricerca su zampogne e zampognari sul territorio provinciale con il progetto: Musei nella rete. La tradizione zampognara in provincia di Salerno, proseguito con un convegno finale che si è svolto nel Salone dei Marmi di palazzo di Città a Salerno il 15 novembre 2018, conclusosi con una pubblicazione degli Atti avvenuta nel dicembre 2018, a cura sempre del Funzionario della Soprintendenza.

ROSA CARAFA.jpg
ROSA CARAFA

Per quanto riguarda l’incontro u.s. di Polla, il giorno 05 ottobre sono stati presenti numerose coppie di zampognari provenienti dal territorio provinciale e non solo: Palomonte, Polla, Colliano,  Cava dè Tirreni, Auletta, Muro Lucano, Casaletto Spartano, Ricigliano, Ottavaiano (Na)- Torre del Greco (Na), Pagani. Nell’incontro ha preso corpo l’esigenza di coordinare un’attività di catalogazione – sulla base delle schede elaborate dall’ICCD (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione) per censire i beni demoetnoantropologici materiali e immateriali -, di zampogne, ciaramelle, flauti e altri aerofoni tradizionali, per aree etnografiche accomunate da contesti d’uso, rituali e repertori omogenei.

La scelta di una prospettiva che vada oltre i confini regionali amministrativi consentirà pure di candidare con maggior vigore l’ambizioso progetto, che coinvolgerebbe Calabria, Basilicata e Campania, all’interno di specifiche misure di finanziamento. È stata anche presentata la proposta d’istituire una borsa di studio per allievi di strumenti musicali aerofoni di tradizione orale.

FonteSOPRINTENDENZA  ARCHEOLOGIA, BELLE ARTI E PAESAGGIO  DI SALERNO E AVELLINO

www.beniculturali.it , Youtube, Facebook e Twitter, www.ambientesa.beniculturali.it.

Tratto da: Onda Lucana® Press

Si ringrazia il servizio stampa MiBACT della Soprintendenza  SABAP di Salerno e Avellino  per la concessione del suddetto comunicato n° 41 del 7 ottobre 2019 e del materiale a corredo Media.

 

Annunci