I FEMMN D NA VOT

Tratto da:Onda Lucana®by Angelo Viccari

 

Jsen u sol i femmn

stavijn pà arrvà

nda ristucc e appen

i m-t-tur s mtian a met,

accumnzajn a jrmtà

picchì ala cas c’ern

i figghj ca vulijn mangià.

 

Ndu vern femmn e guagiun

jjn à fa i linn nda cumun

e appen arr-vajn a scr-mett

evijna stà attend cu vent

i vutaid ventr a ppett.

 

Jern i femn d na vot

ca non s mbaurajn

ne du fridd e ne du sol

faijn u pan e lavajn a man.

 

Faijn a mnestr alù foch

e faijn tand d quir figghj

com s fuss nù joch.

 

LE DONNE DI UNA VOLTA

Uscendo il sole le donne

di una volta stavano per arrivare

nel campo di grano

che si stava mietendo

e appena i mietitori iniziavano

a mietere, le donne incominciavano a legare,

perchè a casa c’erano i figli

che volevano mangiare.

 

Durante l’inverno, poi, donne

e bambini si recavano a fare la legna

nelle zone comunali e appena giungevano

a Scrimett* dovevano stare attente perchè

il vento le faceva cadere a pancia in aria.

 

Erano le donne di una volta

che non avevano paura né del freddo

né del sole, facevano il pane e lavavano

il bucato a mano, cucinavano la minestra al fuoco

e facevano tanti figli come se fosse un gioco.

 

Da: ”Natu Temb – La società del focolare” – Angelo Viccari

 

Tratto da:Onda Lucana®by Angelo Viccari

Si ringrazia l’autore per la cortese concessione del testo e della copertina.

Tutto il materiale media e il testo non possono  essere riprodotti salvo autorizzazione.

Poesia espressa dai tanti dialetti dell’area metapontina: vernacolo novasirese dalla cittadina di Nova Siri (Mt).

N.B.

*Località che si estende oltre Nova Siri (Mt) ed è distante circa 1,5 Km dal vecchio centro abitato. Il luogo è ben ventilato.