CAP CUL

Tratto da:Onda Lucana®by Angelo Viccari

 

Quann jissijd u sol

a niv s’mbauraid

quann u sor’c vdijd

u gatt s n scappajd,

a vulp a lu baj du can

s n ijd vers a forchj

e gghssijd quann faijd nott.

 

Mo a niv iocd cu sol,

u sor’c cu gatt

e a vulp accarizzd u can.

 

U munn va cap cul

i ciucc vol’n

e i palumm camin’n

e can e gatt mang’n

ndu stess piatt.

 

ALLA ROVESCIA

Quando usciva il sole

la neve aveva paura,

quando il topo vedeva il gatto

fuggiva,

la volpe all’abbaiare del cane

se ne andava nella tana

ed usciva quando faceva notte.

 

Adesso la neve gioca

con il sole, il topo con il gatto

e la volpe accarezza il cane.

 

Il mondo va alla rovescia,

gli asini volano, i colombi camminano

ed il cane ed il gatto

mangiano nella stessa ciotola.

 

Da: “Il pianto della ginestra” – Angelo Viccari

 

Tratto da:Onda Lucana®by Angelo Viccari

Si ringrazia l’autore per la cortese concessione del testo e della copertina.

Tutto il materiale media e il testo non possono  essere riprodotti salvo autorizzazione.

Poesia espressa dai tanti dialetti dell’area metapontina: vernacolo novasirese dalla cittadina di Nova Siri (Mt).

N.B.

*Località che si estende oltre Nova Siri (Mt) ed è distante circa 1,5 Km dal vecchio centro abitato. Il luogo è ben ventilato.