A Chiève

Tratto da:Onda Lucana®by Titto D’Onofrio Tursi (MT) 24/06/2018

Avie na chièva granna granna,

ma vi rumaste tatagranne,

cè grapie a cantènelle.

Su-pi i vutte c’erene sempe du-ie mutèlle,

che nu centrone appèse au mure

sempe a stessa fuurèlle:

u segne da cruce e pò se putita

cuntunuè a Pascarelle:

vine ianche e vine russe,

cù ruzzue sutte u mùsse.

Alla chiève nda mascecature

ci’appènie nù maccature,

che fè accorge a le cumparùcce,

ca ière pronte a sparè tutte i cartucce.

Che furmagge e savzizze

arrampecaiene a petrizzze.

Cumpa Cicce e Maste Peppe;

ammucciaiene i vescotte sutta

nu pizzue de giacchette.

Niculine u sacrestene,

sunaiete i campene, che na mene n-dutte,

nda chellate tenite nu menze partaialle.

Già se fatte menze iurne:

prèsaabrise, prè l’uteme mozzeche alla saabrise,

u vine vete abbasce ca iè na rise.

La Chiave

Avevo una chiave molto grande

me l’aveva lasciata mio nonno.

Ci aprivola piccola cantina,

sulle botti c’erano sempre due imbuti.

Ad un grosso chiodo appeso al muro

c’era sempre la stessa immagine sacra:

il segno di croce e quindi,

si poteva continuare (cominciare) Pasquetta.

Vino bianco e vino rosso

col boccale sotto il muso.

Alla chiave nella toppa

ci attaccavo un fazzoletto

era il segnale per far capire agli amici

che potevano venire (il via libera).

Era tutto pronto ormai per il divertimento:

essi con formaggio paesano e salame.

Salivano la salita fatta in pietre

Compare Ciccio e Mastro Giuseppe;

nascondevano i taralli sotto

un angolo della giacca (per celarli)

Nicolino il sacrestano,

suonava le campane con una sola mano,

in quell’altra teneva qualche spicchio d’arancia.

Già si è fatto mezzogiorno:

facciamo presto, l’ultimo morso alla pancetta di maiale,

il vino scende giù che è una bellezza.

Tratto da:Onda Lucana®by Titto D’Onofrio Tursi (MT) 24/06/2018

Si ringrazia l’autore per la concessione dell’opera.

Immagine tratta da repertorio Web

Tutto il materiale media e il testo non possono essere riprodotti salvo autorizzazione.